Poliambulatorio San Martino

Blog

Test covid: imparare a distinguerli e sapere quale scegliere

Test covid: imparare a distinguerli e sapere quale scegliere

In questi momenti incerti riveste un'importanza fondamentale la corretta informazione: per questo abbiamo scelto di dedicare questo piccolo spazio ai test covid, che spesso generano confusione nei pazienti, già molto preoccupati di essere entrati in contatto con eventuali positivi.

I test covid si distinguono in tre tipologie:

Test molecolari: test che evidenzia la presenza di materiale genetico (RNA) del virus. E’ il test attualmente più affidabile per la diagnosi di infezione da coronavirus. Viene eseguito su un campione prelevato con un tampone a livello naso/oro-faringeo e quindi analizzato attraverso metodi molecolari di real-time RT-PCR (Reverse Transcription-Polymerase Chain Reaction) per l’amplificazione dei geni virali maggiormente espressi durante l’infezione.

L’analisi può essere effettuata solo in laboratori altamente specializzati, individuati dalle autorità sanitarie. Il risultato del test molecolare è disponibile entro le 72 h.

 

Test antigenicorapido: questa tipologia di test  è basata sulla ricerca di proteine virali (antigeni).

La modalità di raccolta è analoga a quella del molecolare e la risposta è molto breve (circa 15 minuti) ma sensibilità e specificità di questo test, a seguito di una validazione effettuata su campioni conservati a -80 °C, sembrano essere inferiori a quelle del test molecolare. Ciò comporta la possibilità di risultati falso-negativi in presenza di bassa carica virale (tC>25), oltre alla necessità obbligatoria di confermare i risultati positivi mediante un tampone molecolare.

Ulteriori validazioni eseguite su campioni “freschi” (appena prelevati) hanno invece mostrato elevata sensibilità e specificità. Pur considerando la possibilità di risultati falso-positivi (per questo i risultati positivi al test antigenico vengono confermati con il test molecolare) e di falso-negativi (la sensibilità del test non è certo pari al 100% e, inoltre, bisogna considerare il “periodo finestra” fra il momento dell’esposizione a rischio e la comparsa della positività), grazie all’uso di tali test rapidi si riesce ad intercettare comunque un rilevante numero di contagiati, probabilmente con alte cariche virali, che non sarebbero stati individuati in altro modo.

 

Test sierologico: test che evidenzia la presenza di anticorpi contro il virus. Tali test rilevano l’avvenuta esposizione al virus (IgG) e sono in grado di rilevare la presenza di un’infezione in atto (IgM). I test sierologici possono essere qualitativi (rilevano la presenza o meno di anticorpi ma senza indicarne una quantità), semi quantitativi o quantitativi (in gradi di rilevarne anche una quantità). Il risultato si ha di solito in 24/48h.

 

Devi prenotare una visita o richiedere informazioni?

Whatsapp
349 695 7859

Telefono
049 970 34 06

Copyright 2021 - Poliambulatorio San Martino - Privacy Policy - Cookies Policy